LA DIARREA NEL BAMBINO: CAUSE, SINTOMI E SOLUZIONI NATURALI

Gonfiore, costipazione, nausea, vomito: il disturbo digestivo si fa sentire a livello del sistema gastrointestinale. Può essere causato da un’allergia, un’intolleranza alimentare o un batterio.

Questa condizione è frequente nel bambino e spesso dà adito a episodi diarroici. Essi sono temporanei (della durata di 1-2 giorni) o cronici. In alcuni casi portano a uno stato di disidratazione.

La prescrizione di liquidi specifici composti da acqua, zuccheri e sali assicura la sostituzione dei fluidi corporei persi.

Dal canto loro, feci molli e liquide causano uno squilibrio nel transito del bambino. Questi deve ricevere un’alimentazione equilibrata che permetta di regolare la sua salute digestiva. Vanno allora privilegiate delle soluzioni naturali, ricche di nutrienti.

Zinco, vitamina A e C e alcuni probiotici rappresentano degli alleati per prevenire questi sintomi infantili.

QUALI SONO LE CAUSE DELLA DIARREA NEL BAMBINO IN TENERA ETÀ?

Un sistema immunitario indebolito può essere alla base di un simile stato di salute. Le difese non riescono a combattere l’arrivo di un’infezione batterica o virale che causa mal di pancia.

Le cause della diarrea nel bambino non si limitano solamente a questo. Una reazione a un antibiotico, a un’intossicazione o la presenza di parassiti nel cibo o nell’acqua causano, a loro volta, feci troppo frequenti e liquide.

L’assunzione di farmaci, l’intolleranza al lattosio o al glutine, nonché la dentizione rappresentano dei fattori scatenanti.

LA DIARREA NEL BAMBINO: QUALI SONO I SINTOMI PRINCIPALI?

Questi segnali devono mettere in allarme

Pianti, temperatura superiore a 38 °C, crampi, dolori addominali e pancia gonfia: qualcosa non va!

L’urgenza di andare di corpo e una perdita considerevole di fluidi corporei confermano la diagnosi: il piccolo ha la diarrea.

Cosa fare?

In caso di diarrea media, continuare ad allattare il neonato o a dargli del latte artificiale. Questo gli ridarà le forze e assicurerà la sua idratazione. Per i bambini di più di 6 mesi, evitare il latte e i succhi: il loro consumo inasprisce i sintomi!

Un bambino più grande deve essere assolutamente idratato in modo regolare. Un brodo vegetale senza condimenti, del succo di mele o una soluzione reidratante venduta in farmacia costituiscono ciò di cui ha bisogno.

In caso di diarrea acuta, consultare direttamente il proprio medico.

LA DIARREA NEL BAMBINO: QUALI SOLUZIONI NATURALI PER REGOLARE IL TRANSITO DIGESTIVO?

Lo zinco, da utilizzare a scopo preventivo.

Favorisce il mantenimento della salute intestinale del bambino

Questo oligoelemento è essenziale nel corso di tutta la nostra vita e presenta dei vantaggi per la salute dei più giovani. Esso:

  • sostiene la funzione immunitaria;
  • assicura una crescita sana;
  • favorisce la salute intestinale;
  • permette il corretto sviluppo cognitivo.

Indipendentemente dalla nostra età, abbiamo bisogno di livelli di zinco adeguati per avere una digestione ottimale. Inoltre è provato che una carenza di questo minerale può comportare problemi di integrità intestinale. Allo stesso modo, se i nutrienti non vengono correttamente assorbiti dalla mucosa degli intestini, questo provoca una carenza di zinco.

In effetti, l’apporto di questo elemento naturale aumenta l’assorbimento dei nutrienti producendo acido gastrico, necessario alla scomposizione degli alimenti.

La diarrea nel bambino, un segnale frequente di carenza di zinco

Lo zinco non può essere immagazzinato nell’organismo. Tuttavia, un tasso sufficiente si ottiene a partire da fonti alimentari che ne sono ricche: ostriche, manzo, maiale, anacardi e ceci. Queste presentano un contenuto elevato di zinco facilmente assimilabile.

Sfortunatamente questi alimenti non costituiscono, in generale, la prima scelta di pasto per i più piccoli. Per questo motivo, gli integratori di zinco sono un’alternativa efficace, almeno fino a quando i bambini non iniziano a mangiare una varietà più ampia di alimenti.

La vitamina A, l’alleata dell’organismo

La fornitura di antiossidanti assicurata

Questa vitamina liposolubile, ben nota, fornisce al bambino degli antiossidanti che si prendono cura del suo corpicino. Essi impediscono lo sviluppo di malattie croniche o virali come la diarrea o il rotavirus. L’elemento essenziale è immagazzinato nel fegato e ha un ruolo fondamentale in numerose funzioni corporee:

  • la vista;
  • la crescita delle ossa;
  • la produzione di cellule e tessuti.

Grazie all’apporto di vitamina A, la flora del bambino si regola, perché il suo sistema immunitario è più forte. La protegge contro qualsiasi nuovo rischio di infezione.

Fornire vitamina A al bambino tramite la sua dieta

La si trova in elementi di origine animale (retinoidi) e vegetale (carotenoidi). Queste due forme rispondono a fabbisogni biologici diversi.

Gli ortaggi colorati come le patate dolci e le carote sono apprezzate da tutti i piccoli. Presentano concentrazioni elevate di vitamina A che permettono di combattere la comparsa di diarree. Lo stesso dicasi per la frutta. Pesca, albicocca e melone sono ricchissimi di questa sostanza organica che favorisce la crescita e lo sviluppo.

Carne, pesce, burro, yogurt e formaggio (emmental, cheddar, mozzarella, ecc.) rappresentano inoltre delle fonti alimentari di retinolo. I bambini possono attingervi per le loro necessità quotidianamente.

La vitamina C, fondamentale contro le infezioni virali

Acido ascorbico: indispensabile per le nostre difese immunitarie

Questo nutrimento idrosolubile ha un ruolo fondamentale nelle varie funzioni fisiche vitali del neonato e del bambino.

Il suo ruolo, identico a quello di un antiossidante, è di proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi. Inoltre il suo apporto lungo il ciclo della vita sostiene le difese immunitarie e limita i rischi di malattie causate dai virus.

Fornire un’alimentazione ricca di vitamina C al proprio bambino permette di combattere le diarree, frequenti nei bambini di meno di 6 mesi.

La vitamina C da consumare quotidianamente

Poiché non viene immagazzinata dall’organismo, la sostanza deve essere fornita ogni giorno. Ciò è realizzabile grazie a numerosi alimenti. In questo modo la maggior parte dei neonati di 6 mesi soddisfaranno il loro fabbisogno quotidiano a partire da una combinazione di frutta, ortaggi e latte materno (o artificiale).

Gli agrumi hanno un tenore considerevole di vitamina C, ma sono sconsigliati per i più piccoli. Kiwi, papaya, melone, banana o guaiava rappresentano una valida alternativa. Anche patate, zucchine e broccoli cotti sono delle buone scelte dopo un episodio diarroico.

I probiotici, raccomandati durante e dopo la diarrea

Soluzioni naturali e ottimali per la flora intestinale del bambino

Nell’organismo sono presenti due tipi di batteri: quelli buoni e quelli cattivi.

I probiotici costituiscono una combinazione di batteri (o lieviti) benefici vivi che aiutano a mantenere il corpo in perfetta salute. Questi microbi positivi combattono in particolare i batteri cattivi quando questi sono troppo numerosi.

Vivono generalmente nell’intestino crasso e impediscono agli elementi nocivi di diventare incontrollabili e di farci ammalare.

Un microbiota equilibrato combinato al rafforzamento del sistema immunitario del bambino contribuiranno a impedire la comparsa di spiacevoli diarree.

PEDIAKID Probiotici-10M è stato elaborato da fermenti lattici (Lactobacillus casei, Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus plantarum, Streptococcus thermophilus) rigorosamente selezionati per riequilibrare la flora intestinale. La sua formula all’inulina di Cicoria contribuisce alla crescita dei batteri buoni dell’intestino. Per rafforzare le difese immunitarie, PEDIAKID® Probiotici-10M è ricco di Zinco. Presente sotto forma di bisglicinato, gode di una biodisponibilità ottimale.

Probiotici in caso di gastroenterite acuta o diarrea associata agli antibiotici

Come integratore di una soluzione di reidratazione data a tale scopo, PEDIAKID® Diaréa® è stato appositamente elaborato a partire da 2 ceppi di fermenti lattici (Lactobacillus rhamnosus Rosell®-11 e Bifidobacterium animalis subsp lactis Lafti®B94), rigorosamente selezionati per le esigenze nutrizionali dei neonati e dei bambini in tenera età, in caso di gastroenterite acuta o diarrea associata agli antibiotici. Una bustina apporta 10 miliardi di fermenti lattici associati a fibre prebiotiche di acacia che favoriscono la crescita dei batteri buoni dell’intestino che permettono di ristabilire il microbiota intestinale perturbato dall’invasione dei germi, responsabili della diarrea. I batteri buoni vanno a sostituire quelli che nuocciono al transito, permettendo così di diminuire considerevolmente la frequenza delle feci.

Prodotti associati